1 Marzo 2019

Roba da Grafici logo restyling

Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da grandi, e spesso controversi, brand restyling.

Ricordiamo, ad esempio, le case history di Slack o di Zara. È evidente l'esigenza di adattare il proprio brand ai nuovi media, renderlo comunicabile e declinabile sui social e sul web.


Anche Roba da Grafici non è da meno.


Da tempo, in realtà, nutrivamo il bisogno di rinnovarci nei tratti. Di rinfrescare il nostro brand.
Senza MAI snaturarlo, nella sua iconicità.
Del resto, ci accompagna da sempre. Da oltre 10 anni. Ed è il simbolo della più grande community italiana sul design e sulla grafica.


Il nostro Brand Team, composto da Marco Lombardo, Manuel Alvaro e Simone Checchia, ha valutato a lungo ogni aspetto, ogni possibilità, vagliando decine di bozze, dalle più semplici alle più audaci.


Mantenere l'iconicità del brand, preservarne la riconoscibilità...


Risolvendone quelli che potevano essere i "problemi", o per meglio dire, adattandolo alle nuove esigenze ed ai nuovi media e device.


Ed è quindi con estremo piacere che vi presentiamo il nuovo marchio di Roba da Grafici!


Lo vedrete, pian piano, prendere il sopravvento su ogni nostro canale. E, pian piano, ve ne sveleremo anche i concetti chiave, i dettagli e le motivazioni che ci hanno spinto alla realizzazione di questo restyling.



 

 

Il restyling marca il solco, riuscendo con piccole accortezze, a creare un netto stacco dal vecchio marchio.


Nei colori. Nei tratti. Bolder.

Un fattore sicuramente estetico, moderno, pulito. Ma al contempo estremamente funzionale e leggibile.



 

 

La leggibilità a tutte le risoluzioni, lo vedremo anche più avanti, è il punto focale del lavoro del Brand Team RDG.
Un tratto più marcato ed una costruzione su una rigida griglia. Capace, però, di "rompersi" laddove la correzione ottica lo richieda. Questi gli elementi chiave che ne permettono la lettura ottimale.



 

 

Non da meno, l'influenza di un ottimo typeface ne facilità la leggibilità - altro segno distintivo del restyling.
Il Codec Warm, messo a disposizione dalla type foundry fiorentina, Zetafonts.
Un sans serif geometrico, disegnato da Cosimo Lorenzo Pancini e Francesco Canovaro con Andrea Tartarelli.


Come il marchio, il carattere non poteva essere da meno: costruito anch'esso su una griglia dalle geometrie impeccabili, alla ricerca di una rigorosa perfezione. Nella sua versione Warm, il typeface si mostra in tutto il suo splendore, con quel tocco più gentile.



 

 

Non mancano, infine, varianti semplificate e minimal.
Da impiegare in spazi ridotti. Per non comprometterne, mai, leggibilità e riconoscibilità.
Che sia una t-shirt, un post, una favicon. Il nuovo marchio RDG troverà sempre il suo spazio ed il suo posto, senza perdere la sua storica forza.



 

 

Come anticipato, nel tempo vi sveleremo ulteriori dettagli, behind the scenes e tanto altro.


Ma ogni cosa a suo tempo.
Per ora non possiamo che ringraziarvi tutti per essere parte della nostra grande famiglia, per averci accompagnati negli anni. Per essere la parte viva ed energica della nostra community. Del nostro brand.